martedì 10 gennaio 2023

Metodo Sei-I&H l'introduzione

 

Voglio farvi omaggio dell'introduzione al libro, è firmata con uno pseudonimo, i più acuti potranno anche immaginare il perchè. Ringrazio davvero tanto Edmond per questo meraviglioso dono, capirete bene che per me sia un vero onore avere un'introduzione scritta da un Medico, poichè si tratta di un Medico vero sapete, di quelli con la M maiuscola, dedito alla salute delle persone, che onora ippocraticamente il suo lavoro, come deve essere, ma come ormai pare ci si sia dimenticati... 

Allo stesso modo voglio lavorare io, portare aiuto dove serve per come posso, formando e facendo sapere che esistono metodi olistici che si interessano della persona nel suo tutto, nel suo "olos" e in questo libro è spiegato come, il Metodo Sei I&H.

Vi lascio quindi alla lettura, un abbraccio,
Eva


Se una notte d’inverno…

Ho conosciuto Eva e il Metodo SEI I&H esattamente un anno fa, per una di quelle “benedette coincidenze” che lì per lì non ne hanno assolutamente l’aria, in una calviniana “notte d’inverno”. O, per dirla col mio Maestro Terzani, per una “benedetta maledizione”, visto che si era in un periodo in cui ci si chiedeva se d’un tratto la gente non fosse diventata tutta folle, accettando di farsi iniettare senza batter ciglio un siero genico sperimentato soltanto per poche settimane. 
Da medico, mi chiedevo cosa avesse indotto la maggior parte dei miei colleghi ad abbracciare la violenta narrazione che coincideva con l’obbligo di accettare quella che oggi si sta rivelando una macabra roulette russa. 
Quella notte, accettai di scegliere uno dei trattamenti olistici proposti da Eva, su un social che utilizzavo per scambi d’informazioni tra colleghi e altri professionisti della salute che mal digerivano la narrazione dominante. 
Da bravo enneatipo 4, la mia scelta non poteva che cadere sull’unico trattamento che, nella mia vita di “sperimentatore di sensazioni”, non avevo mai sentito: il trattamento SEI I&H. 
Il mio vissuto recente aveva ricevuto negli ultimi anni, più “colpi” che avevano minato, in una sequenza micidiale e con la precisione chirurgica dei missili balistici più sofisticati, molte delle certezze che un uomo e professionista coscienzioso (quale mi ritengo) aveva potuto costruire nella sua vita e carriera: ultimo ma non ultimo il periodo legato alla “pseudo-psicopandemia”. Dopo un anno di “illuminazioni” a più riprese, accompagnate da Eva con le meditazioni guidate, il trattamento dei chakra, l’utilizzo delle chiavi eteriche a distanza, lo “spin coating”, mi ritrovo sempre più spesso a dirmi quella frase che di solito si dice fra sé e sé, dopo aver compreso che delle “benedette coincidenze” bisogna saperne cogliere il significato al momento opportuno: perché non aver tentato prima?
Dietro al metodo SEI I&H c’è una persona, Eva, che ha dichiarato chiaramente il suo intento alla sua Vita ed ai suoi Maestri: aiutare le persone a star meglio. Questa sua “creatura”, il metodo SEI I&H, è chiaramente impregnata dalla curiosità di Eva, dal suo desiderio d’approfondire e ricercare tutte le connessioni presenti a livello sottile tra esseri umani, tra dimensioni diverse dalla nostra e anche tra metodi di cura energetico-olistici.
La genesi di questo trattamento è stata resa possibile senza dubbio dall’estrema sensibilità di Eva, in termini energetici ed umani, e dalla capacità che ha avuto di far entrare in connessione il suo desiderio d’aiuto, proveniente dalla sua Anima, con la volontà di far nascere qualcosa di fruibile dal numero più elevato di persone.
Sono principi che quel “mondo” che si dovrebbe occupare della “cura” di chi sta male, composto da medici e operatori della salute a vari livelli, ha attualmente in gran parte dimenticato e che, a mio modo di vedere le cose, dovrebbe in gran fretta e umilmente tentare di recuperare, includendo tra i percorsi considerati canonici altri modi di vedere le cose. L’unico rischio, in questo caso, sarebbe quello di veder affiorare all’orizzonte la cosa di cui la gente oggigiorno in Occidente sente più la mancanza: l’umanità.

Edmond Dantes

2022


Nessun commento: